Biopsia della prostata

biopsia della prostata

La biopsia della prostata è un esame diagnostico che può essere eseguito in regime ambulatoriale. Consiste nel prelevare piccoli frammenti di ghiandola prostatica tramite un apposito ago, guidato da una sonda ecografica introdotta nel retto. 

 

Quando è necessario effettuare una biopsia prostatica?

La biopsia della prostata viene prescritta nei seguenti casi: 

  • sospetto di tumore della prostata;
  • valori elevati di PSA
  • anomala velocità di crescita del PSA;
  • noduli rilevati all'esplorazione rettale o ecograficamente sospetti.

 

Come viene eseguita la biopsia prostatica?

La biopsia può essere eseguita in due modi: 

  • raggiungendo con un ago la prostata dall'interno del retto (via trans-rettale);
  • attraverso la pelle, nella zona, detta perineo, posta tra i testicoli e l'ano (via trans-perineale).

Cinque giorni prima dell'esame è necessario sospendere i farmaci che interferiscono con la coagulazione. Questi verranno sostituiti con eparine a basso peso molecolare da iniettare sottocute.

Per prevenire lo sviluppo di infezioni è opportuna una terapia antibiotica di profilassi a partire da 24 ore prima della procedura. È opportuno un clistere per pulire il retto prima di sottoporsi all'esame.

Dopo un breve periodo di osservazione è possibile tornare autonomamente a casa.

Prima di fare il prelievo, viene sempre effettuata un'anestesia locale o, in casi particolari, una sedazione. Per quanto ritenuta sicura, la biopsia della prostata è considerata una procedura invasiva e, come tale, non esclude complicazioni.

 

Biopsia della prostata, complicanze ed effetti collaterali: 

Circa una persona su 50, al termine dell'esame, fa fatica o non riesce a svuotare spontaneamente la vescica. In questi casi è necessario posizionare un catetere vescicale che verrà poi rimosso dopo qualche giorno. È frequente riscontrare sangue nelle feci e nell'urina nei primi giorni, così come nello sperma per alcune settimane. Generalmente il disturbo scompare spontaneamente e non deve destare preoccupazioni. Raramente può comparire febbre alta, che non va sottovalutata, in quanto potrebbe indicare l'insorgenza di un'infezione.

biopsia della prostata

In tutto l'esame non dura più di 15-20 minuti.

È consigliabile astenersi dall'attività sessuale per la settimana successiva all'esame. Per il resto si può riprendere subito la vita normale.

 

Se desideri maggiori informazioni su questo esame o sulla biopsia prostatica fusion non esitare a contattarmi. Qui trovi tutti i miei recapiti: www.antoninolagana.it/contatti