Deviazioni del Pene

Deviazione del penePer incurvamento penieno si intende una deviazione del pene che si manifesta durante la fase erettiva. Può acquisire una curvatura patologica tale da rendere impossibile o assai complicata la penetrazione.

Le deviazioni del pene possono essere congenite, se presente sin dalla nascita, o acquisite, se l’insorgenza è successiva ed è legata a traumi o patologie concomitanti.

L’incurvamento penieno congenito (Recurvatum Penis) si ritiene sia dovuto ad un asimmetrico sviluppo dei tessuti del pene (corpi cavernosi e/o corpo spongioso) durante i primi anni di vita.

Può presentare gravità di curvatura e direzioni diverse.

La deviazione del pene più spesso si manifesta ventralmente, meno di frequente dorsalmente e talora lateralmente (con maggiore frequenza a sinistra).

 

Deviazioni del pene

L’incurvamento penieno acquisito è dovuto, nella maggior parte dei casi, alla Malattia di La Peyronie anche nota come Induratio Penis Plastica (IPP).

La IPP è caratterizzata dalla presenza di una o più placche fibrose dure, localizzate lungo l’asta peniena, a livello dei corpi cavernosi. La  placca, priva di elasticità per la sua natura cicatriziale, provoca durante l’erezione l’incurvamento a causa della anomala distensione del pene.

L’età media di insorgenza della malattia è tra i 40 e i 60 anni, anche se è possibile osservarla in epoca molto più giovanile. I disturbi correlati all’incurvamento penieno congenito variano principalmente in base all’angolo di curvatura: se è lieve (inferiore a 30°) il difetto può essere considerato solo come un fastidioso inestetismo che non pregiudica la penetrazione; tuttavia, può scatenare disturbi psicologici di inadeguatezza fino alla disfunzione erettiva completa. Nelle forme più severe, può rendere più o meno difficoltosa la penetrazione vaginale sino a renderla talvolta impossibile, con pesanti ripercussioni sulla sfera sessuale del paziente.

L’incurvamento penieno acquisito può presentarsi con dolore al pene durante l’erezione (fase acuta della malattia) che dura dai 4 ai 6 mesi, associato alla comparsa di uno o più noduli palpabili lungo l’asta.

Può seguire la comparsa di disfunzione erettile (impotenza erigendi) dovuta sia alle ripercussioni psicologiche, o dell’incurvamento, sia al reale danno organico delle strutture neuro-vascolari peniene.

Si riscontra più frequentemente in pazienti affetti da diabete mellito, aterosclerosi, ipertensione arteriosa, Malattia di Dupuytren (retrazione fibrotica dei tendini della mano) o in pazienti che riferiscono macro o microtraumi penieni ripetuti, coitali o occasionali (ad es. sellino e manubrio di bicicletta), pregresse micro fratture del pene.

La diagnosi si basa sull’anamnesi generale e sessuale del paziente. L’unico modo per documentare una curvatura del pene in uno studio medico è indurre farmacologicamente l’erezione del paziente. In alternativa, il paziente può direttamente esibire la foto del proprio pene in erezione al proprio uro-andrologo di fiducia. Lo studio con ecocolordoppler dinamico con iniezione di prostaglandina, risulta essere di estrema utilità per valutare il grado di curvatura, la presenza o meno di placche, la sede eventuale, così da valutare eventuali strategie terapeutiche.

Trattamento deviazione del peneFino a qualche tempo fa, l’unico trattamento possibile del pene curvo su base congenita era la chirurgia. In caso di malattia di La Peyronie, deve avvenire dopo che si sia risolta la fase di attività; in questo senso, possono essere utili trattamenti IONOFORETICI. Gli interventi chirurgici che si effettuano per la deviazione del pene, sono le tecniche di plicatura, assai poco invasive, realizzabili in day surgery. Queste portano ad altissimi tassi di successo (97-100%) in caso di deviazioni lievi o medie. Casi  più complessi necessitano di trattamenti particolari, con aggiunta di patch e incisione della placca.

Oggi, prima del trattamento chirurgico, si possono affrontare anche altre strade come le iniezioni di XIAPEX.

Per prenotare una visita urologica di controllo contattami ai seguenti riferimenti: 

Tel. +39 335 815 9508 - 06 54282073 

Mail: antoninolagana@gmail.com