Infezioni da Candida Maschile: cosa fare

Candida Maschile

La Candida nell'Uomo 

La Candida maschile è una infezione micotica che ha come agente causale la Candida Albicans, un fungo della famiglia dei Saccaromiceti che vive naturalmente in ogni organismo umano e predilige particolarmente gli ambienti caldi ed umidi. Per tale motivo, sono più colpiti i genitali e la bocca.

 

Le Cause della candida maschile

In alcune situazioni, l’infezione fungina può decorrere silente: alcuni soggetti, infatti, ospitano normalmente colonie di questi funghi sulla pelle e nelle mucose. Fino a quando c’è un equilibrio tra alcuni batteri che difendono l’ambiente, la malattia non si manifesta; in caso contrario - specie con l’indebolimento delle difese immunitarie - l’infezione micotica si palesa.

 

candida maschile

 

I Fattori di Rischio della Candida

I fattori di rischio più frequenti che contribuiscono alla diffusione e alla proliferazione della Candida sono:

  • diminuzione di una specifica flora batterica: la diffusione dell’infezione da candida si può presentare in caso di igiene eseguita in modo sbagliato, ad esempio, con detergenti formulati troppo aggressivi o miscelati con sostanze antisettiche; queste, infatti, possono danneggiare sia la pelle che le mucose. Inoltre, lasciare le parti intime troppo umide dopo essersi lavati, favorisce la proliferazione delle spore micotiche;
  • obesità: i pazienti obesi devono osservare una maggiore attenzione all’igiene personale, al fine di poter minimizzare le possibilità di manifestazione dell’infezione fungina, che, usualmente, si annida tra le pieghe e gli interstizi cutanei. Questi ultimi, risultano poco areati, umidi e con pelle spesso macerata, cosa che permette ancor più facilmente l’attecchimento del fungo;
  • una sessualità vissuta con rapporti non protetti: in questo caso, spesso si verifica un periodo lungo di incubazione del fungo e la malattia conclamata si manifesta in media da una a due settimane dopo il rapporto a rischio;
  • utilizzo di biancheria sintetica: questo tipo di biancheria, per sua natura, non permette un     interscambio dell’aria e crea un accumulo di acqua, con aumento della temperatura: tutti elementi che facilitano l’infezione micotica.
  • pazienti con patologie che indeboliscono il sistema immunitario: i soggetti con un sistema immunitario fragile sono maggiormente a rischio di infezione; la diffusione della Candida, infatti, avviene ancor più velocemente nei casi in cui non sia contrastata dalle difese immunitarie;
  • pazienti con diabete: i pazienti diabetici sono maggiormente a rischio di infezione, perché il metabolismo fungino si avvale della fonte di glucosio.

 

I sintomi della candida nell'uomo

La candida nell’uomo manifesta sintomi vari e di varia intensità. Spesso la prima manifestazione è l’irritazione e il bruciore, ai quali si può accompagnare o meno il prurito localizzato a livello del glande o del pene.

Alle lesioni descritte si possono associare delle secrezioni biancastre e maleodoranti, lesioni ulcerative e, più raramente, anche rigonfiamento dei linfonodi inguinali. In casi particolari si osservano delle secrezioni bianche dense e disomogenee che vengono descritte come “ricotta”,  ossia una patina biancastra da cui deriva, appunto, il nome di CANDIDA (anche queste possono avere un cattivo odore).

I pazienti possono avvertire anche dei fastidi nel corso del rapporto sessuale, causati spesso dall’irritazione della punta del pene, più spesso del prepuzio.

Nella candidosi cutanea si ha inizialmente un’eruzione rossa, che è accompagnata da prurito e dolore. L’area interessata evolve poi verso la desquamazione e si può avere anche una secrezione bianco-giallastra, con secrezioni eventualmente maleodoranti. 

In caso di infezione particolarmente violenta si verifica una notevole diminuzione dell’elasticità del prepuzio, che configura un quadro di fimosi su cui si instaurano delle fissurazioni, dette ragadi, spesso dolorose, specie nei rapporti.

Solo raramente la candida maschile rappresenta un grave pericolo. Tuttavia, se trascurata, porta a complicazioni anche gravi. Per questo motivo va curata al più presto e vanno sospesi i rapporti sessuali, al fine di evitare ulteriori contagi nel partner.

 

sintomi candida uomo

 

Diagnosi candidosi maschile

La diagnosi della Candida va sempre fatta da uno specialista urologo-andrologo iniziando con un Esame Obiettivo accurato in grado di rilevare: la sintomatologia, i segni e la storia clinica del paziente. Queste rilevazioni indirizzeranno subito alla diagnosi. Dovranno poi essere effettuati ulteriori test diagnostici, tra cui, in genere, l’esecuzione di un tampone uretrale, che permette di prelevare un piccolo campione di secrezione interessata dall’infezione. Dopo l’analisi del campione, è possibile procedere al trattamento del fungo Candida Albicans, in caso di risposta sia positiva, con farmaci specifici.

 

Cura della candida

La terapia della Candida genitale maschile, o balanite, richiede l’uso di medicinali antifungini a base di fluconazolo. Può essere necessario l’uso di creme specifiche ad azione topica locale, integrate con prodotti idonei all’igiene intima; mentre, in alcuni casi, va necessariamente associata una terapia orale, da somministrare per un lungo periodo.

Si suggerisce, inoltre, di lavare i genitali con detergenti neutri e privi di sostanze che possano alterare il ph naturale della pelle; inoltre, si consiglia di asciugare i genitali tamponandoli con un panno pulito e non strofinando.

Con l’infezione micotica in atto è altamente sconsigliato il ricorso all’intimo in tessuto sintetico o comunque poco traspirante, perché l’aumento del sudore a livello inguinale può favorire il proliferare della candida. Meglio optare per il cotone di colore bianco, in modo da monitorare eventuali secrezioni, il loro colore, la quantità e per agevolare la sterilizzazione con il lavaggio a caldo. Sono, infine, da evitare gli slip troppo stretti.

 

Per identificare eventuali sintomi riconducibili ad infezioni mucotiche da candida maschile, richiedi pure un appuntamento al Tel: 3358159508 - 06 54282073  

Oppure prenota una Visita Andrologica di Prevenzione